Un muratore in savana

Un muratore in savana

Abitazioni e villaggi dei popoli africani testimoniano la loro grande capacità di risolvere i probolemi quotidiani utilizzando sapientemente le risorse disponibili con inventiva e adattabilità.

L’architettura tradizionale africana, aperta alla dimensione comunitaria, può essere un modello ricco di messaggi per i popoli di tutto il mondo.
L’Africa della savana, con le sue tradizioni e i suoi riti, continua ad essere un insieme di tante piccole società che producono tutto ciò di cui hanno bisogno: l’equilibrio con la natura circostante è delicato e solo la conservazione delle tecniche e della saggezza tradizionale può permettere la sopravvivenza del gruppo familiare e dell’intero clan.
Vieni anche tu a conoscere alcune tra le più belle espressioni dell’Architettura dei popoli della savana, esposte a Seregno nel Chiostro dell’Abbazia dei Monaci Benedettini, via Stefano da Seregno, 100
dal 18 al 30 novembre 2003 (ore 9-12 e 16-19).
«Un muratore in Savana» è uno splendido percorso che ti farà conoscere l’ambiente e la storia affascinante di questi popoli.
Ti sono piaciuti i villaggi, ricchi di simboli della tradizione africana?
Perché non provi anche tu a progettare e costruire, insieme ai tuoi amici, una casa o un villaggio che siano il segno dell’incontro tra popoli e culture diverse? Ti aiuteranno i tuoi insegnanti e i tuoi genitori.
Partecipa al concorso «Un muratore in savana» anche il tuo lavoro andrà in mostra!
Per informazioni:
Segreteria delle Scuole Elementari di Sergeno
Gruppo Solidarietà Africa – GSA – Onlus
20038 Seregno (MI) – Via S. Benedetto, 25
Tel./Fax 0362 221280
E-mail: gsafrica@tin.it
www.gsafrica.it
Per visite programmate:
Abbazia S. Benedetto
Tel. 0362 231772 (ore 8.12: ore 15-18,30)

REGOLAMENTO
La partecipazione al concorso, libera e gratuita, è aperta a tutti gli alunni delle scuole medie di Seregno .
Gli insegnanti sono promotori e garanti dell’originalità delle opere presentate che possono essere realizzate da singoli o da gruppi all’interno della stessa classe o della stessa scuola
La tecnica di realizzazione è libera
Vengono ammesse al concorso tutte le opere pervenute al comitato organizzatore entro il 31 marzo 2004, tramite le segreterie delle scuole di appartenenza.
Ciascuna opera deve essere corredata dalla scheda di partecipazione allegata, compilata in ogni sua parte
Le realizzazioni presentate rimarranno proprietà del GSA che sarà libero di utilizzarle nell’ambito delle sue finalità
La giuria incaricata di giudicare le opere proposte è composta da personalità della cultura e dell’arte. I suoi giudizi sono inappellabili.
Le migliori realizzazioni saranno premiate con prodotti artistici dell’artigianato africano
La consegna dei premi avverrà nell’ambito della manifestazione “Il Baobab della Solidarietà” (maggio 2004)
Le opere premiate e tutte quelle che la giuria riterrà meritevoli saranno esposte in mostra (maggio 2004)
In qualsiasi momento, al solo scopo di ottenere una migliore riuscita della manifestazione, il GSA si riserva di modificare il presente regolamento.

I commenti sono chiusi